Comunicato Stampa FuoriSalone 2017

 

Download /

Comunicato stampa

 

Invito all’evento

In principio era la materia. Era la purezza del marmo.

Dal 3 al 9 aprile 2017, in occasione della Milano Design Week, il marmo torna a essere protagonista: Mmairo svela la sua prima collezione, tra opera d’arte e oggetto d’arredamento, nello spazio Tabacchi di via Solferino, corner via Castelfidardo

Milano, 20 / 03 / 2017 

Nata nel 2016 con il sogno del pezzo unico, Mmairo ha scelto il marmo, materiale d’elezione, unico, pregiato, mai uguale a se stesso, onirico in quelle infinite venature, per modellarlo in oggetti d’arredamento. Tutto comincia a Carrara, capitale internazionale del marmo, nell’imperturbabile abbraccio delle Alpi Apuane, dove Mmairo ha trovato casa per seguire l’estrazione e la trasformazione di questo puro dono di natura. Per la sua prima collezione, Mmairo ha scelto firme internazionali ed eterogenee, architetti, designer e artisti, le cui private immaginazioni si trasformano in oggetti dai più quotidiani per la cucina e la tavola, alla vera personalizzazione di un vaso, un centrotavola, un’alzata.

Nello spazio Tabacchi di via Solferino, in occasione della Milano Design Week, Mmairo lascerà parlare le forme e le idee di Ivan Colominas, Michele Chiossi, Karen Chekerdjian, Stefano Belingardi Clusoni, Studioformart, e Cristoforo Trapani, ideatori delle sette collezioni pensate per il 2017: da Materia e Tavola secondo Colominas, omaggio ad Angelo Mangiarotti, uno dei grandi maestri del design e dell’architettura italiani, alla sushi-mania di Shodo, pezzi essenziali per godere di una perfetta cena in stile nipponico: due vassoi, uno per presentare, il secondo per contenere il cibo con spazio per le lamelle di zenzero, una ciotola per il riso e, infine, un poggia-bacchette. Michele Chiossi, artista toscano che nel marmo ha trovato il proprio medium per raccontare la modernità, crea Contemporary e Jap Vegetation, concedendo al marmo un momento di follia, per trasformarsi in vaso, portacandela, specchio o vassoio.  Totem di Karen Chekerdjian, tavolo espressione di ricerca dell’equilibrio tra pieno e vuoto, tra pesante e leggero, è unico e trino, ispirazione divina dell’oggetto di design: tre versioni, in marmo nero Marquinia con punta in marmo verde imperiale, tutto in marmo Portoro o infine in marmo rosso Levanto, punta in nero Marquinia e base in verde imperiale. Ripiano, base, appoggio o sostegno, il marmo non poteva non venir scelto da Stefano Belingardi Clusoni per i tavoli, oggetti scultura nati da un profondo studio sul materiale, combinato con la brillantezza dell’ottone e l’eleganza dell’oro, che si va ad accordare alla riflessione sull’odierno spazio vitale, all’idea di un living moderno.

Torniamo alla tavola, Cristoforo Trapani, chef del Magnolia, ristorante stellato dell’Hotel Byron di Forte dei Marmi, ha prestato la sua creatività tutta alimentare al design per la collezione Magnolia: cestini, alzate e l’iconico braciere; Studioformart, giovani designer carraresi che da sempre respirano il marmo nelle vicine cave, hanno ideato Total Marble: vassoi curvi o rettangolari, tovagliette e mise en place per suggerire l’impermanenza di un materiale che da una dimensione divina si è trasformato in oggetti del nostro quotidiano benessere.

 

Opening 3 aprile 2017 – dalle ore 18

 

www.mmairo.com

www.facebook.com/MMairo

twitter.com/MMairo_design

www.instagram.com/mmairo_design/